Amici nerazzurri, scrivo queste parole per commentare un fatto tanto triste quanto inevitabile; Mauro Icardi, dopo aver deciso di fare causa all internazionale Milano, chiedendo 1,5 milioni di risarcimento e il reintegro in squadra, ha preso l’aereo verso Parigi ed è diventato un giocatore del Paris Saint Germain.
Certo, questo è un atto che si commenta da solo, dopo tutto quello che è successo, ma voglio comunque farvi sapere come la penso io.
Da interista non sono arrabbiato ma deluso, perché non mi sarei mai aspettato che il mio ex numero 9 ed il mio ex capitano potesse arrivare a fare causa alla squadra, ormai ex, che tanto dice di amare o meglio amava.
Da tifoso, invece, sono sorpreso da come il rancore e l’orgoglio possano distruggere una carriera di un campione. Il talento non si discute, infatti è approdato in una delle squadre più forti d’Europa, ma alle spalle lascia la possibilità di diventare veramente qualcuno e non uno dei tanti.

Non resta quindi che ringraziare chi ha messo prima l’Inter e poi se stesso. Grazie a Spalletti che ha dovuto convivere con tutto ciò durante una stagione riuscendo lo stesso a centrare gli obbiettivi prefissati dalla società, grazie a Marotta che è riuscito a trovare la soluzione a tutto ciò facendo capire che prima dell’Inter non c’è nulla e nessuno. Un grazie, infine va a Perisic e Nainggolan che, a differenza del loro collega argentino, hanno deciso di pensare prima al bene dell’Inter e poi al loro, lasciando la squadra senza usare vie legali o inutili intermediari.

Adesso, caro Mauro, la maglia nerazzurra, con il numero 9, su cui c’è stampato il tuo nome la terrò con me non come fonte di orgoglio e passione per i colori della mia squadra del cuore, ma per ricordarmi di perdonare ed di superare il rancore sennò rischio solo di distruggere tutto ciò che ho creato con sudore e fatica.
Infine, accetta un consiglio da chi l’Inter l’ama veramente, scendi in campo e dimostra a tutti noi che stavamo sbagliando, dimostra chi sei veramente sperando di non averlo già capito.
ARRIVEDERCI MAURO.
AMALA!!!