Alla Sardegna Arena, l’Inter crolla sotto la fisicità ed il bel gioco del Cagliari.
Handanovic (6) nonostante i 2 goal compie una grande parata che tiene per lo meno a galla la squadra nerazzurra. Disastrosa fase difensiva per D’Ambrosio (4,5) e Asamoah (5), viene sostituito da Candreva (5,5), che non crea nessuna difficoltà al Cagliari. Anche Skriniar (5) delude, giocando una brutta partita e concedendo anche un rigore poi sbagliato da Barella. L’unico positivo della difesa è de Vrij (6,5) che soffre la fisicità di Pavoletti ma nonostante ciò sbaglia poco.

Inguardabile Brozovic (4) che sbaglia tutto lasciando il centrocampo sempre allo sbaraglio. Vecino (5,5) è poco incisivo nonostante i chilometri percorsi. Entrambi centrocampisti vengo sostituiti da Borja Valero (5,5), il quale gioca una gara discreta sfiorando il goal del pareggio e Ranocchia (S.V) schierato come ormai da abitudine come punta nel finale della disperazione.

Migliore in campo in assoluto è Nainggolan (7),autore di un assist e di una gara dove sbaglia poco e lotta su ogni pallone. Insufficiente Politano (5) che, come tutta l’Inter, sbaglia molto anche nelle occasioni pi semplici. Perisic (5) prova a mettere in difficoltà la difesa avversaria senza però riuscire a incidere.

Il migliore dopo il Ninja è Lautaro (7) che segna un gran goal da vero attaccante e crea molte occasioni pericolose, disinnescate dalle parare di Cragno.

Spalletti (5) sbaglia formazione e a comunicare il giusto approccio alla gara alla squadra, con l’Inter che per 45′ minuti non riesce a creare più di un’occasione da goal. Quando cambia modulo qualcosa migliora, ma ormai era troppo tardi.
AMALA!