Impegno, velocità e rapidità d’azione.. Ecco cos’è stata l’Inter contro il Rapid Vienna, che con una grande prestazione vola agli ottavi di finale di Europa League.

Handanovic (6) non deve intervenire per 90′ minuti. Buona gara per Cedric (7) che dimostra velocità e tecnica, mentre Asamoah (6,5) tiene a “bada” gli attaccanti con la sua esperienza. Uno dei migliori in campo è stato assolutamente Skriniar (8):non sbaglia nulla intervenendo spesso in maniera perfetta, sostituito da Miranda (S.V.) per farlo rifiatare in vista di Firenze. Giù il cappello per il capitano di noi tifosi, Ranocchia (7,5) che oltre il gran goal di destro gioca con attenzione e voglia.

Grande gara per Brozovic (7,5) che tiene il peso del centrocampo smistando i palloni e recuperando spesso in situazioni difficili, sostituito da Borja Valero (6) che non al meglio, cerca di non forzare troppo. Torna al goal in Europa Vecino (7,5) che gioca una gara da centrocampista esperto, sbagliando pochissimo.
Prestazione in sordina per Nainggolan(6,5) che risente un po’ della stanchezza sul piano fisico ma nonostante ciò gioca una buona gara.

Torna a essere il migliore in campo Perisic (8) con un goal da fuoriclasse ed un’altra prestazione da top player. Ivan è tornato. Candreva (7) sbaglia alcuni interventi ma spesso semina il panico nella difesa avversaria, sfiorando spesso il goal e creando vari pericoli.
Gara di sacrificio per Lautaro (7) che corre tantissimo e lotta su tutti i palloni. Sfortunatamente non riesce a trovare il goal. Sostituito da Politano (7) che da centravanti trova il suo primo goal in Europa e mostra a San Siro le sue grandi doti tecniche.
Applausi per l’Inter ma anche per Luciano (7) che tiene unita l’Inter contro tutti e tutto. Bello il sorriso sul goal di Ranocchia, dimostrazione di gioia e tranquillità (forse ritrovata) all’interno del gruppo.
AMALA!