Al Benito Stirpe di Frosinone, l’Inter vince e consolida il terzo posto, senza però non far soffrire i suoi tifosi.
Handanovic (5,5) viene chiamato in causa una volta e non riesce a respingere un tiro all’apparenza non insidioso ma molto forte.
D’Ambrosio (7) assolutamente uno dei migliori, non sbaglia nulla, supera gli avversari con grandi giocate e creando anche un assist per il goal dell’uno a zero. Buona anche la partita di Skriniar (7) che anticipa spesso gli attaccanti avversari ed protegge la propria area di rigore con i suoi centimetri. Non possiamo dire lo stesso di de Vrij (5) che, tornato dall’infortunio, sbaglia molto ed è spesso in ritardo negli interventi. Molti errori anche per Asamoah (6) che inizia bene, per poi commettere errori banali e pericolosi.

A centrocampo la sfortuna non sembra essere finita, infatti Borja Valero (6) dopo 70′ minuti da regista è costretto, per infortunio, a lasciare il campo e far posto a Gagliardini (6) che nei minuti finali funge da diga davanti alla difesa. Buona gara per Vecino (7) che trova il goal nel finale per chiudere in bellezza una prestazione di alta tecnica e sostanza.

Insufficiente Perisic (5) nonostante il goal, trovato su rigore. Infatti il croato sbaglia tutte le giocate, dai tiri ai controlli, così da essere sostituito da un fresco e pimpante Keita (6,5) che salta spesso l’uomo e crea varie occasioni non sfruttate dai suoi compagni.
Il migliore in campo stasera è senza dubbio Nainggolan (7,5) che trova il goal di testa e trascina la sua squadra, con grinta e forza, alla vittoria. Un po sotto tono Politano (6,5) che non riesce ad entrare nel vivo del gioco nerazzurro, pur correndo molto. Nel finale viene sostituito da Joao Mario (S. V.).

Gara incolore per Icardi (5) che sbaglia 2 goal semplici e anche molte giocate in mezzo al campo. Sembra quasi assente dal punto di vista mentale.

Spalletti (6) porta a casa i tre punti, anche se per gli ultimi 30 minuti, perde le redini della squadra. Cosa che poteva risultare fatale.

AMALA!!!