Nel 2008, al Tardini, l’Inter vinse 2 a 0 conquistando il suo 16′ scudetto. L’Inter, vincendo, non ha conquistato nessun trofeo, ma è riuscita a scacciare questa maledetta crisi (per ora).
Handanovic (6) viene salvato dalla traversa di Gervinho; non deve compiere altri interventi.
Grande prestazione dei 2 centrali di difesa nerazzurri con de Vrij (7) che ha respinto gli attacchi di Inglese e con Skriniar (7,5) che ha controllato tutti i palloni vaganti. D’Ambrosio (6) è molto impacciato su alcuni interventi ma non molla un centimetro per 90′ minuti, gli viene giustamente annullato un goal per fallo di mano.
Asamoah (7) perfetto, non sbaglia nulla ed è sempre in anticipo sugli avversari.
A centrocampo regna la tecnica di Brozovic (8) che come un direttore di orchestra dirige alla perfezione l’Inter, colpisce anche un palo nel finale. Vecino (7) riesce a ribaltare spesso l’azione mettendo in difficoltà la squadra di casa.
Insufficiente la prestazione di Joao Mario (5) che gioca da esterno ma non incide nel match, sbagliando molti traversoni. Come Ibrahimovic, che entrò dalla panchina e fece doppietta così anche Lautaro (7,5) sostituendo Joao Mario, entra e il primo pallone che tocca lo trasforma in un goal bellissimo che ci regala i 3 punti. Trasformato, rigenerato e rivalorizzato Naiggolan (7,5) si riprende l’Inter con una prestazione da grande giocatore, è autore dell’assist nel goal di Lautaro. Viene sostituito da Gagliardini (s.v.)
Per quanto riguarda Perisic (5) c’è poco da dire, sbaglia tutti i cross ed è molto prevedibile, non riesce mai a essere pericoloso.
Icardi (5) sbaglia troppo sotto porta e in area di rigore. Anche il mister ha ammesso che la questione del contratto sta pesando sul nostro Capitano. Speriamo che la faccenda si chiarisca il prima possibile.
Spalletti (7) riesce a farsi seguire e a prendere le redini della squadra, portandola alla vittoria.
AMALA!