Eriksen, parola agli esperti: “Si potrebbe rimuovere il defibrillatore se…”


Ancora luci e ombre sulle cause del malore di Christian Eriksen ad Euro 2020 che gli poteva costare la morte. Al centrocampista danese è stato impiantato un defibrillatore sottocutaneo al fine di evitare terribili ricadute. Due esperti del settore hanno parlato al Corriere dello Sport su questo caso.

Parere degli esperti

  • Riccardo Cappato, direttore del centro di elettrofisiologia clunica e aritmologia del gruppo Multimedica di Milano: “Nel caso di Eriksen le ipotesi sono svariate. Mancano elementi della sua storia clinica e di quanto appurato dagli specialisti dell’ospedale danese. Non abbiamo nemmeno informazioni sulla defibrillazione in campo. Di certo la crisi cardiogena è stata grave. Un blocco del cuore da fibrillazione conseguente ad aritmia grave, imprevista e improvvisa. Cause possibili? Molte. Una potrebbe essere preesistente mai individuata e stabile, tipo la cardiomiopatia congenita o la sindrome di Brugada, oppure una miocardite infiammatoria da causa grave (per lo più da virus, come quello del Covid, che non sembra riguardare il cuore ma che poi all’improvviso innesca l’aritmia), o un disturbo elettrolitico. La causa infiammatoria, se si riesce a diagnosticare, è per esempio una causa reversibile, che potrebbe consentire a Eriksen di arrivare a togliere il defibrillatore e quindi tornare a giocare a calcio in Italia. Origine infiammatoria? I medici dell’ospedale dovrebbero aver scoperto se questa è la possibile causa”.
  • Franco Cecchi dell’Università di Firenze, specialista in malattie cardiovascolari e cardiomiopatie, fondatore e presidente dell’associazione di pazienti con cardiomiopatia (Aicarm): “Possibile una miocardite infiammatoria, per esempio da mononucleosi o da citomegalovirus o da un virus che lo ha infettato in modo asintomatico anche mesi prima. O a causa di una vecchia presenza virale che si è riaccesa. Avere queste informazioni ci permetterebbe di sapere se ha avuto una passata infezione, se è rimasta latente un’infiammazione che può portare a una miocardite e a un’improvvisa crisi del ritmo. Allora si cura la causa dell’infiammazione e quando si è sicuri che è ‘spenta’ si potrebbe anche togliere il defibrillatore, se questo ostacola il via libera al ritorno in campo. Quando è arrivato all’Inter è stato sottoposto a tutti gli screening cardiovascolari. E in Italia siamo severissimi in questo campo. Era tutto a posto, così come negli screening inglesi fino al 2019. Ora si possono fare solo supposizioni perché non conosciamo i risultati degli esami fatti in ospedale a Copenaghen”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min

Roma – Inter è una grande classica del calcio italiano. Mourinho ritrova il suo passato, Dzeko pure, in un confronto che promette scintille. La partita si gioca sabato 4 dicembre alle ore 18 allo Stadio Olimpico.La partita fra Roma e Inter sarà trasmessa in esclusiva su Dazn. Gli abbonati potranno guardare la sfida dell’Olimpico tramite […]

5 min

Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Roma-Inter, match valido per la sedicesima giornata di Serie A in programma domani pomeriggio all’Olimpico (ore 18:00). Queste le sue dichiarazioni: Quinta partita in due settimane, si gioca contro un avversario difficile da affrontare in trasferta. “Quella di domani è una partita importante per noi, […]

1 min

Roma – Inter è una grande classica del calcio italiano. Mourinho ritrova il suo passato, Dzeko pure, in un confronto che promette scintille. Sarà Marco Di Bello, della Sezione di Brindisi, l’arbitro di Roma–Inter, partita valida per la 16ª giornata di Serie A, in programma sabato 4 dicembre alle 18:00 all’Olimpico.Di Bello avrà come assistenti Palermo e Perrotti, mentre il […]