Fiorentina-Inter 1-2


Una doppietta argentina e un gioco, finalmente, “alla Mazzarri” e l’Inter esce vittoriosa dal Franchi. Dopo circa tre mesi, i nerazzurri vincono in trasferta contro una delle squadre più forti del campionato, seppure in emergenza, ma soprattutto convincono per l’intensità del gioco, la solidità difensiva e la compattezza dei reparti. Se la vittoria con il Sassuolo aveva aperto una finestra su un futuro più sereno, quella contro la Fiorentina apre un balcone e finalmente sembra si cominci a cambiare aria in casa interista. L’innesto di Hernanes a centrocampo dà maggiore equilibrio a tutto il centrocampo, qualità tecniche e spirito di sacrificio in fase difensiva, rendono l’estroso brasiliano un tassello importante per il gioco che vuole l’allenatore. La riprova non è tanto nelle due vittorie di seguito con lui in campo, ma soprattutto nelle prestazioni dei suoi compagni di reparto, in particolare Guarin e Nagatomo. I due nerazzurri sembrano aver innestato una marcia in più e aver assimilato i dettami di Mazzarri tutti in un momento. La difesa ha ritrovato un eroe del Triplete, tornato ai livelli precedenti gli ultimi infortuni: Samuel giganteggia al centro della difesa e dimostra ancora una volta e semmai ve ne fosse stato bisogno che lui e solo lui, è the Wall.

Mazzarri conferma la squadra che ha vinto contro il Sassuolo, rilanciando le due punte, Milito e Palacio e conferma la difesa con Samuel, Rolando e Juan Jesus. Il centrocampo è confermato per intero, con Kuzmanovic a fare il metodista, Hernanes e Guarin mezz’ali e Nagatomo e Jonathan sugli esterni. I nerazzurri partono forte e schiacciano la Fiorentina che non riesce a costruire gioco. Nel primo tempo almeno tre le occasioni chiare da gol prima del vantaggio ottenuto da Palacio, su assist di Guarin. Si va negli spogliatoi sull’uno a zero. La ripresa comincia male, con i viola che subito agguantano il pareggio con Cuadrado, ma i nerazzurri non mollano e sebbene calino rispetto all’ottimo primo tempo, tengono il campo e ricominciano a fare gioco. Mazzarri sostituisce Milito e finalmente si rivede in campo Icardi. L’impatto sulla gara del giovane argentino è devastante: alla prima palla giocabile, è subito gol. Il nuovo vantaggio nerazzurro spezza i ritmi dei padroni di casa che non riescono più a costruire nessuna occasione importante e l’Inter fà suoi i tre punti.

Il gol di Icardi era in fuorigioco? Si. L’Inter vince comunque meritatamente e il fatto che per una volta un episodio vada a vantaggio dei nostri e non di chiunque altro è solo un buon segno: è ipotizzabile che finalmente la dea bendata abbia deciso di “strizzare l’occhio” ai nostri colori. Speriamo che sia solo l’inizio.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’Inter torna a pensare Nacho, difensore del Real Madrid che, nel ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Mancheste City ha indossato la fascia di capitano. A confermarlo l’esperto di calciomercato internazionale Fabrizio Romano, che ha inoltre svelato che il giocatore ha comunicato al Real Madrid la volontà di lasciare i blancos […]

1 min di lettura

Si è svolta oggi la presentazione della partnership tra Inter e Unopiù alla quale ha preso parte anche Giuseppe Marotta. A margine dell’evento il Ceo Sport nerazzurro ha rilasciato una breve dichiarazione sul derby di lunedì 22 aprile. “Stiamo respirando proprio aria da derby. E’ normale che per noi rappresenta non solo una stracittadina, ma […]

1 min di lettura

Il noto imprenditore finlandese Thomas Zilliacus in un’intervista ai microfoni di Italian Football Podcast ha parlato del suo recente interesse per l’acquisizione dell’Inter e del futuro della società nerazzurro con Suning al comando. “È ora che Suning venda l’Inter. Non possono più rimandare. Ho fatto un’offerta molto seria e completa per l’acquisto del 100% dell’Inter […]