Inter-Roma 2-1


Una grande vittoria. Cercata, voluta e ottenuta. Finalmente si torna a vincere in casa e contro i giallorossi, dopo tanto, troppo tempo. Il progetto di Mancini comincia a consolidarsi, il gioco aggressivo e le linee compatte diventano costanti, la difesa tiene la concentrazione e regge l’urto degli avversari garantendo sicurezza a tutta la squadra.

I nerazzurri partono aggredendo gli avversari e impedendo le scorribande sulle fasce, cinica e compatta l’Inter preme sull’acceleratore finchè al quarto d’ora di gioco non raccoglie i frutti dello sforzo profuso. Una perla di Hernanes regala il vantaggio. La Roma non sparisce e cerca subito la reazione, pochi minuti e Ibarbo prende un palo clamoroso. La fortuna finalmente si riaffaccia anche a S. Siro, sponda nerazzurra. Il primo tempo scorre sulle note di una Roma che prova a giocare e un Inter che difende bene e riparte appena possibile.

Nel secondo tempo crescono gli avversari, i nerazzurri sembrano in difficoltà e alla fine arriva il pareggio di Nainggolan. A questo punto, memori del recente passato, c’è il timore che la squadra tracolli, invece testa bassa e di nuovo a premere sull’acceleratore. Mancini vuole vincere e lo fa capire chiaramente. I cambi sono tutti in versione “arrembaggio”. Escono Guarin, Gnoukouri e Brozovic, entrano Shaqiri, Podolski e Kovacic. Se avesse potuto, il Mancio avrebbe buttato nella mischia anche Pouskas. La Roma ci prova, ma è Podolski a inventarsi l’assist perfetto per Icardi che si gira e segna un gol, finalmente, da grande attaccante. I minuti di recupero sono ancora a favore dei nerazzurri e il triplice fischio sancisce una grande vittoria e un rilancio in classifica che da ossigeno e ottimismo a tutto l’ambiente.

Ottima la prestazione di Hernanes e Palacio che trascinano la squadra, bene anche la coppia centrale Ranocchia Vidic, incerti invece D’Ambrosio e Juan Jesus. Si conferma giocatore di livello il diciottenne Gnoukouri, arcigno Brozovic, un pò appannato Guarin. Icardi si muove molto, ha diverse potenziali occasioni e alla fine riesce a coronare una buona prestazione. Kovacic e Podolski entrano bene in un momento caldissimo e danno la sensazione che il gruppo sia compatto e pronto, ciascuno come può, a dare il proprio contributo.

Un ottima gara, tre punti d’oro e grazie al caro Stramaccioni, col quale ci incroceremo martedì sera, si scavalcano anche gli odiati cugini. Il processo di crescita continua, ma adesso comincia a manifestarsi anche nella continuità che è mancata per gran parte del campionato. Una ventata d’ottimismo che si spera non diventi una tempesta per l’ennesima volta. Avanti così.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Prima Cabal, poi Tessmann, infine Gudmundsson. Tutti e tre saltati (anche se quest’ultimo è ancora nei radar dell’Inter). Perchè? Sportmediaset.it dà la spiegazione: “Semplicemente Marotta e Ausilio stanno seguendo alla lettera le indicazioni della nuova proprietà, che lascia sì margini di manovra, ma ha chiarito che i conti vanno migliorati e il mercato, quindi, va fatto per lo più a […]

1 min di lettura

A quaranta giorni dalla chiusura del mercato estivo, la squadra ha già effettuato i principali investimenti, migliorando significativamente la qualità della rosa. Simone Inzaghi può contare su giocatori di grande calibro in ogni reparto, specialmente in attacco, dove le quattro punte hanno segnato complessivamente 703 gol in carriera, come analizzato dalla Gazzetta dello Sport. Inter, […]