Inter-Verona 1-0


Dopo i clivensi, tocca agli scaligeri. Verona e dintorni finiscono sotto il treno nerazzurro. Era dai tempi di Helenio Herrera che non si partiva in modo così scoppiettante. Cinque vittorie consecutive, quindici punti, cinque uno a zero. Il rumore dei nemici si farà sempre più assordante, sappiatelo…. Quello che invece ci interessa è che Mancini possa, senza coppe e con un buon vantaggio in classifica, gestire e far crescere la squadra. Il gioco non sarà  ancora spettacolare, i gol fatti pochi, ma non dimentichiamo che l’asse portante dell’Inter è stato acquistato in blocco nell’ultimo giorno di mercato e scusate se è poco…!

Contro il Verona è stata dura, è mancata la precisione, la compattezza, un buon filtro a centrocampo, i movimenti in attacco, non sempre, ma a fasi alterne. Di contro, l’Inter ha messo in campo muscoli e cuore per quasi novanta minuti, lasciando intendere che col tempo, la continuità e l’aumentare dell’intesa tra i giocatori, non si potrà fare altro che migliorare. Un pizzico di fortuna, vedi traversa di Sala sullo zero a zero, non guasta mai e, soprattutto, porta fortuna…

Da segnalare l’esordio di Ljajic, prestazione non memorabile e il rientro di Biabany dopo i suoi problemi di salute. Su tutti, ancora una volta, campeggia la prestazione di Felipe Melo, autore del gol vittoria. Difficile trovare ancora qualcuno scettico sul suo acquisto. Medel e Miranda o chi per essi, si confermano muraglia quasi inespugnabile (vedi episodio della traversa). Ottimo il lavrò fatto sulla fase difensiva insomma,  se si pensa all’anno scorso. Troppo imprecisi e a intermittenza le prestazioni di Guarin e Kongdobia. Bene invece Icardi, spesso presente nel gioco, stasera a secco dopo il gol vittoria contro il Chievo e bene anche Perisic. Quando entra Jovetic la fase d’attacco indubbiamente si aggiusta, ma è mal supportata dal centrocampo. Telles meglio in fase d’attacco, si conferma Santon. C’è tempo anche per Handanovic, sul finale, di scaldare i guantoni.

È un Inter muscolosa, che se vuole può diventare un carro armato, ma nei novanta minuti c’è bisogno anche di usare la testa e per questo ci vuole tempo e affiatamento. Le premesse ci sono, i risultati anche. In breve? Chi ben comincia, è a metà dell’opera…

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’Inter torna a pensare Nacho, difensore del Real Madrid che, nel ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Mancheste City ha indossato la fascia di capitano. A confermarlo l’esperto di calciomercato internazionale Fabrizio Romano, che ha inoltre svelato che il giocatore ha comunicato al Real Madrid la volontà di lasciare i blancos […]

1 min di lettura

Si è svolta oggi la presentazione della partnership tra Inter e Unopiù alla quale ha preso parte anche Giuseppe Marotta. A margine dell’evento il Ceo Sport nerazzurro ha rilasciato una breve dichiarazione sul derby di lunedì 22 aprile. “Stiamo respirando proprio aria da derby. E’ normale che per noi rappresenta non solo una stracittadina, ma […]

1 min di lettura

Il noto imprenditore finlandese Thomas Zilliacus in un’intervista ai microfoni di Italian Football Podcast ha parlato del suo recente interesse per l’acquisizione dell’Inter e del futuro della società nerazzurro con Suning al comando. “È ora che Suning venda l’Inter. Non possono più rimandare. Ho fatto un’offerta molto seria e completa per l’acquisto del 100% dell’Inter […]