Mercato, sempre mercato. Non ci sono soldi, vero, verissimo. Prima si deve vendere (Skriniar?) poi si potrà pensare ad intervenire sulla rosa, vero, verissimo, ma l’Inter si muove per cercare di portare a Milano gli uomini giusti per tentare lo scatto vincente in campionato.

Possibili cessioni importanti, possibili scambi con altre squadre, possibili prestiti, ma il mercato che comincerà tra qualche settimana, sarà comunque molto interessante. Il reparto arretrato necessità di piccoli ritocchi, anche se il nome di Skriniar è circolato più volte sui tabloid inglesi. Tottenham, Manchester UTD e Liverpool, si sono interessate al giocatore, ma i nerazzurri non fanno e non faranno sconti. Il centrale non si sposterà, se si muoverà, da Milano, per meno di 50 milioni cash. Nessuna contropartita, nessun prestito, solo liquidità, e ovviamente se la la dirigenza avrà già in mano il degno sostituto.

Si è parlato in passato di Jerome Boateng, il difensore, in scadenza di contratto a giugno,  piace anche al Milan, ma gli 11 milioni che percepisce all’anno, bloccano il mercato del trentaduenne nazionale tedesco. Molto più abbordabile Armando Izzo, che potrebbe arrivare anche se Milan Skriniar rimanesse nel capoluogo lombardo. Uno scambio di prestiti con il Torino, Vecino il più probabile, anche se ai granata piace tantissimo D’Ambrosio, non è da escludere, per poi ritrovarsi al tavolo delle trattative in estate.

A centrocampo, se non dovesse recuperare Sensi e dovessero partire Eriksen e Nainggolan, rimarrebbero in rosa gli intoccabili Barella, Vidal e Brozovic, più Gagliardini che si sta  comportando in maniera dignitosa ed è stato tolto dal mercato di gennaio. Il sogno dell’allenatore nerazzurro è Georginio Wijnaldum, giocatore in scadenza di contratto, che il Liverpool valuta, non meno di 30 milioni di euro. L’Inter starebbe pensando di inserire nella trattativa Eriksen e guadagnare sul monte ingaggi, visto che il danese percepisce quasi il doppio di stipendio. De Paul la trattativa, ma a parte il prezzo folle, non finisce di piacere a Zhang e dirigenti.

Il mercato degli attaccanti ha un solo nome, Milik, in attesa di qualche occasione che potrebbe presentarsi col passare dei giorni.

 

Commenti