L’Inter e l’enigma Gosens. Ecco le reali condizioni del tedesco


L’Inter e l’enigma Robin Gosens. Il tedesco, arrivato come grande colpo sulla fascia sinistra, ha faticato, causa infortuni e adattamento, ad imporsi in questo precampionato. Ma come sta davvero Robin? Lo spiega Tuttosport: “Il calciatore tedesco sta benissimo, clinicamente è totalmente guarito, ma quei problemi vissuti ai tempi di Bergamo, forse, hanno ancora effetto su di lui. Non a livello fisico (l’affaticamento delle ultime settimane nulla ha a che vedere infatti con quanto successo con la Dea), ma in quello mentale. Con la paura, forse inconscia, che quel peggio, in teoria già passato, possa ripresentarsi un’altra volta.

Serve la scintilla insomma per mettere a tacere quei detrattori pronti a criticarlo e a tacciarlo come uno semplicemente non all’altezza. Ecco quindi che Inzaghi si traveste (ancora una volta) da psicologo e coccola l’esterno 28 enne. Come tutti all’Inter d’altronde, perché al momento nessuno ha cambiato idea sul suo conto, anzi. Sia dal tecnico piacentino, che da tutta la società, trapela, ufficialmente e ufficiosamente, una difesa a tutto tondo di un calciatore che ha bisogno solo del giusto tempo per imporsi in modo definitivo in una società top”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min

Andrea Mandorlini, allenatore attualmente senza panchina ed ex difensore dell’Inter dei Record, parla a La Gazzetta dello Sport della nuova stagione nerazzurra: “Vedo grande entusiasmo nell’ambiente e anche all’interno della squadra. C’è voglia di cominciare a fare sul serio, ripartire da dove si era interrotto. ora l’Inter ha anche un Lukaku in più che sicuramente […]

5 min

Dopo il breve stralcio di anticipazione nel quale il giocatore dichiarava di anteporre gli obiettivi di squadra a quelli individuali come la classifica marcatori, Dazn ha pubblicato l’intervista integrale a Romelu Lukaku, la prima dopo il clamoroso ritorno all’Inter dello scorso giugno: “La stagione al Chelsea mi ha dato una motivazione in più per fare […]