Bisseck: “Inter, Scudetto nel derby come una favola. Per me è solo l’inizio”


Yann Bisseck ha concesso una lunga intervista al portale tedesco Geissblog dove ha ripercorso le emozioni per la vittoria dello scudetto con l’Inter e fatto un bilancio della sua prima stagione in nerazzurro.

Ti senti davvero come se fossi in un sogno?
“All’inizio sì. Le emozioni durante la sfilata per la città sono state straordinarie. Il sostegno dei tifosi è una cosa enorme, soprattutto quando vieni da un club più piccolo”.

Come hai vissuto la vittoria decisiva nel derby?
“Era quasi troppo bello per essere vero. Questa è la partita delle partite per i tifosi e per noi. Batterli quella notte e poi vederci diventare campioni era quasi come una favola. Sono state sensazioni davvero enormi”.

Qual è il tuo bilancio dopo il primo anno all’Inter?
“Bisogna sempre guardarlo con cautela, soprattutto quando si arriva da un club più piccolo. Penso che ci si aspettasse che giocassi meno di quanto alla fine ho giocato. Sono stato fortunato ad averne avuto la possibilità a dicembre, ad aver fatto così bene e ad attirare l’attenzione su di me. Sospetto che non si sarebbero aspettati che giocassi così tante volte, ma ovviamente vuoi sempre giocare. Sono molto sicuro di me, quindi ho sempre creduto di meritare di giocare di più. Ma per la mia prima stagione non posso assolutamente lamentarmi”.

Nel frattempo hai segnato anche il gol dell’1-0 al Bologna in Serie A. È stato questo il tuo momento clou personale finora?
“Possiamo dire così. È stata una partita importante contro un avversario eccezionale. Segnare poi il gol della vittoria e, in generale, giocare una buona partita è stata probabilmente per me quasi la partita definitiva, per così dire”.

Come hai vissuto il cammino dell’Inter verso il titolo?
“Siamo stati estremamente puntuali fin dal primo minuto. Ci sentivamo come se fosse il nostro anno. Abbiamo giocato bene e a volte la fortuna è stata dalla nostra parte. Siamo stati molto rilassati tutto l’anno, tutto quello che abbiamo fatto ha funzionato”.

Ed eri parte integrante di una squadra così forte. Come lo guardi indietro?
“Non potrei chiedere di più. Devi guardare da dove vengo. Pochissime persone credevano che potessi affermarmi così velocemente. Quindi è una sensazione incredibilmente bella quando ti rendi conto che l’allenatore vede in te un valore aggiunto“.

bisseck

Il punto più basso della stagione è stata probabilmente l’uscita dalla Champions League agli ottavi di finale dopo i calci di rigore contro l’Atletico Madrid. Come hai vissuto i momenti cruciali del cerchio centrale?
“Per me è stato il primo rigore. Quando vedi una cosa del genere in TV, è sempre una cosa. Ma quando sei davvero così vicino, quando immagino di dover correre da solo i 50 metri fino al dischetto, devi davvero avere rispetto per questo. Alla fine, i calci di rigore possono andare in entrambe le direzioni. Purtroppo per noi le cose sono andate nella direzione sbagliata. È stata dura perché per noi sarebbe stato possibile fare qualsiasi altra cosa nella competizione in questa stagione. Ma forse l’anno prossimo (ride ndr).”

Tre anni fa in un’intervista al GEISSBLOG hai affermato di avere le qualità per giocare in un top club internazionale. Ti vedi confermato in questa affermazione?
“Si assolutamente. Non l’ho detto soltanto, ci ho sempre creduto. Certo bisogna essere un po’ fortunati, perché ovviamente non mi aspettavo di trasferirmi a Milano, sarebbe una bugia. Ma ho fatto un buon lavoro e sì, mi sento un po’ vendicato. Ma so anche che posso fare ancora di più. So che migliorerò. Quindi per me questo è solo l’inizio.”

Bisseck

Lo scorso autunno hai lasciato intendere che stavi ancora guardando agli Europei del 2024 nel tuo paese. Julian Nagelsmann ti ha mai contattato?
“Almeno non ne so nulla. Non dovresti nemmeno volere troppo. Ho già fatto un passo enorme. Con più tempo a giocare o con un tempo di gioco regolare avrei potuto essere sotto i riflettori. Se l’allenatore della Nazionale sapesse della mia esistenza sarebbe un grosso problema. Non sto esercitando alcuna pressione adesso”.

Guardiamo già ai Mondiali del 2026?
“Per me il Mondiale 2026 è quasi obbligatorio. Allora avrò 25 anni. Finché tutto va bene, non succede nulla di brutto e non faccio un passo indietro drastico, penso assolutamente che non solo potrò essere lì, ma che potrò giocare un buon ruolo ai Mondiali. Questo è ciò su cui sto lavorando e vedremo se riuscirò a farcela”.

Hai già toccato il tema degli allenamenti. Quali sono i tuoi progetti a questo proposito: rimani a Milano per il momento o forse è possibile il prestito?
“Non ho pensato di lasciare il club. Sono stato trattato in modo molto equo durante il mio primo anno. Ma ovviamente devo vedere come posso ottenere tempo per giocare. Ecco perché ovviamente si sta discutendo con i responsabili. Se dipendesse da me, rimarrei qui e continuerei a lottare per il mio tempo da giocare perché sono sulla buona strada”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’AEK Atene continua ad essere interessata a Joaquin Correa. Secondo Germán García Grova, giornalista argentino del portale TyC Sports, è in corso la trattativa con l’Inter. Il club greco continua a ribadire che i colloqui sono complicati ma la volontà è quella di trovare un accordo. Il Tucu, che ha iniziato la preparazione alla Pinetina […]