Sommer: “Non ho sentito tanta pressione all’Inter. In un ambiente così è più facile”


Impegnato con la Nazionale Svizzera in vista di Euro 2024, Yann Sommer ha concesso una lunga intervista a SRF parlando della sua prima stagione vincente con l’Inter.

In Italia il calcio è quasi una religione. Come lo hai percepito?
“I tifosi amano il club, lo dimostrano in ogni partita in casa e in ogni trasferta. Puoi sentire questa gioia immensa in ogni momento. Per un calciatore è una delle cose più belle che ci siano. La parata del campionato: difficilmente ci crederesti. Ci sono volute 7,5 ore per percorrere 2,5 km. C’erano così tante persone, comprese bambine e bambini, era bellissimo”.

Questo ti fa sentire anche una responsabilità nei confronti dei tifosi?
“Decisamente. Cerchiamo di restituire loro questa gioia con buoni risultati in campo. Naturalmente la pressione c’è, la gente vuole il titolo iridato, la seconda stella sulla maglia. Come tifosi investono molto”.

Erano in parte responsabili di farlo funzionare. Hanno mantenuto la porta inviolata 25 volte, di cui 19 in campionato. È quella la valuta per un portiere?
“Comunque. Ma è anche una moneta per la squadra. Abbiamo già difeso molto bene a Gladbach sotto Lucien Favre. Anche all’Inter è così, abbiamo una buona struttura in campo. Di conseguenza, subiamo pochi gol. Per me come portiere questo è un sogno assoluto”.

Com’è per un portiere far parte di una squadra che esulta anche un po’ in difesa?
“Questa è la sua bellezza. Se hai la palla e puoi attaccare, allora viene celebrato. Ma è bello anche quando puoi festeggiare e festeggiare difendendo il tuo obiettivo come squadra. Abbiamo avuto molte situazioni in cui i tiri venivano bloccati o arrivava una parata e i giocatori si davano il cinque a vicenda. Questa è stata la nostra ricetta per il successo quest’anno”.

Al Gladbach hai preso il posto Marc-André ter Stegen, all’Inter hai preso il posto di André Onana, entrambi portieri molto apprezzati. L’esperienza ti ha aiutato questa volta?
“Naturalmente questo aiuta. Anche a Gladbach per me è stata una sfida che volevo accettare. Il mio obiettivo è sempre stato quello di non essere la copia di un altro portiere. Io, Yann Sommer, volevo essere un buon portiere per il nuovo club. Ho sempre fatto bene a non confrontarmi, ma piuttosto a portare in campo il mio gioco, le mie idee e la mia creatività”.

Dopo pochi mesi eri molto apprezzato anche dai media italiani. Questo ti ha reso la vita più facile.
“All’Inter non sentivo così tanta pressione. Forse perché non ho capito tutto quello che è stato scritto all’inizio (ride). Mi sono sentito davvero felice da parte dei tifosi di essere venuto all’Inter. Mi sono sentito il benvenuto fin dal primo giorno. Ciò ha reso tutto più semplice”.

Venivi da un semestre fortunato ma anche complicato al Bayern Monaco. L’apprezzamento è diverso tra i tifosi dei paesi del Sud?
“Difficile da dire. Quando sono arrivato a Gladbach, nessuno in Germania mi conosceva. La gente era incerta: un portiere svizzero sconosciuto per Ter Stegen – sarà una buona cosa? Questa volta sono venuto dalla Baviera e ho fatto esperienza in Europa. Questa è stata una grande differenza, i tifosi sapevano già che tipo di portiere avrebbero avuto. Potrebbe essere che apprezzino altre cose qui. Lo stile del calcio è diverso. Il primo anno è stato decisamente incredibilmente bello per me”.

Ci sono state cose che ti hanno fatto capire: questa è l’Italia e devo adattarmi?
““Ritiro”. Ciò significa: dormi sul campo di allenamento prima della partita. Tutto è un po’ più emozionante, anche all’interno del team, il modo in cui lo staff lavora con noi. Per il resto ci sono molti parallelismi con la Bundesliga nel lavoro”.

Come hai vissuto il tuo primo anno in Italia come famiglia?
“È sempre una nuova sfida. Abbiamo riprogettato tutto a Monaco e dopo quasi 6 mesi siamo ripartiti e abbiamo dovuto ricostruire tutto a Milano. Ci siamo riusciti bene. Grazie anche a mia moglie, che fa molto dietro le quinte e mi supporta moltissimo”.

Sei in attività da molto tempo, ora i titoli stanno diventando sempre più simili. E’ una soddisfazione?
“È bellissimo per me. Ho investito molto nella mia carriera e questo ne è il risultato. Avere l’opportunità di giocare in club del genere. Recentemente, i cambiamenti hanno dato un ulteriore impulso alla mia carriera”.

A volte pensi che avresti dovuto anticipare la cosa un po’ prima?
“No. Il fatto è: non puoi forzarlo. Il mercato dei portieri non è facile. Mi sono sentito molto a mio agio a Gladbach. Allora c’erano delle offerte che avevo preso in considerazione, ma non andavano bene. Poi è arrivata la richiesta del Bayern e sapevo che volevo farlo davvero, che avevo bisogno di una nuova sfida”.

All’Inter hai ancora questa sensazione di trovarti in un mondo calcistico diverso?
“I primi mesi all’Inter sono stati particolarmente speciali. Ho avuto la fortuna di giocare in grandi stadi davanti a grandi tifosi durante tutta la mia carriera. San Siro è ancora di più. Tutti dicono la stessa cosa: è rumoroso, fa caldo, “caldo”, emotivo, euforico. Avevo spesso la pelle d’oca”.

Hai già interiorizzato l’Italian Grove?
“Non giuro ancora così tanto (ride). Ma sono completamente immerso nella lingua ogni giorno. Sto cercando di imparare bene l’italiano in modo da poter dire la mia. Adoro l’atteggiamento nei confronti della vita che ti danno gli italiani. Sono estremamente amichevoli, si divertono, amano parlare ad alta voce e gesticolare. È un vero piacere passare del tempo con loro. E comunque faccio sempre rumore in campo”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Haroon Masoodi, agente di Ricardo Rodriguez, ai microfoni di Inter-News.it ha parlato dell’interesse da parte dell’Inter per il difensore svizzero, attualmente svincolato dopo gli anni al Torino. Di seguito le dichiarazioni: “Ci sono state delle discussioni con il direttore sportivo (Piero Ausilio, ndr) qualche settimana fa. Ricardo piace anche a Simone Inzaghi ma non ci […]

1 min di lettura

Su Federico Chiesa si era espresso qualche giorno fa anche il suo scopritore Maurizio Romei: “In realtà sono a conoscenza dell’interesse dell’Inter, la voce di un loro apprezzamento è reale” (leggi articolo). Le sue parole sono state come una pulce nell’orecchio per giornalisti e addetti ai lavori. Nell’articolo dedicato al calciomercato sul Corriere della Sera […]

1 min di lettura

Alejandro Cano e Katherine Ralph, i manager di Oaktree che seguono l’Inter volano a Roma. Come confermato da TuttoSport, nella giornata di domani è prevista una importante missione diplomatica due due dirigenti nella capitale. “Obiettivo conoscere il Ministro dello Sport e dei Giovani Andrea Abodi e Gabriele Gravina, presidente della Federcalcio”.

1 min di lettura

Dries Mertens è stato intervistato dalla Gazzetta dello Sport: “Cosa non ha funzionato a Napoli nell’ultima stagione? Non lo so, magari si è festeggiato troppo dopo lo scudetto (ride, ndr). In quel caso, sarebbe comprensibile: un evento del genere suscita entusiasmo, però bisogna saperlo gestire. Quando sono andato via, sentivo che sarebbe potuto accadere qualcosa […]