Calhanoglu sì, Calhanoglu no: i pro e i contro della cessione (improbabile)


Il calciomercato durante una competizione (Euro2024) è sempre un momento divisivo: club che si innamorano di giocatori che over performano (vedasi il caso Joao Mario) oppure agenti che iniziano freneticamente, alla prima giocata dell’anno del proprio assistito, ad offrire il calciatore a destra e a manca o a rilasciare dichiarazioni emblematiche e criptiche. Ma, come ogni rispettabile mercato estivo, è un giocatore dell’Inter a piacere a questa o a quella squadra.

Il nome uscito da meno di 48H è quello di Hakan Calhanoglu, regista dell’Inter per volontà di Simone Inzaghi, nonché, se non si esagera, uno dei migliori registi al mondo, dietro solo a Rodri e Kroos. La Build ha rilanciato una indiscrezione del giornalista turco di TRT sport Ibrahim Kırkayak, che segue da vicino la nazionale turca, secondo cui il Bayern Monaco avrebbe avanzato un contratto da 8 mln a stagione al giocatore. E all’Inter, rumor non ancora trasformatosi in offerta, circa 50 mln.

Considerando l’età, 30 anni, e il suo arrivo all’Inter nell’estate 2021 dai cugini del Milan a parametro zero, la probabile offerta sarebbe molto golosa e vantaggiosa per tutti e tre. L’Inter di Oaktree avrebbe centrato l’obiettivo player trading facendo una plusvalenza clamorosa, il turco si vedrebbe aumentare il suo stipendio (a luglio 2023 firmò un contratto a 6,5 mln a stagione fino al 2027 a salire) e il Bayern avrebbe uno dei top 3 registi al mondo nelle sue mani.

Felici sì, ma non fessi aggiungerei. Il fatto che ogni anno l’Inter sia sui giornali per la sua necessità di vendere giocatori è abbastanza avvilente. L’Inter, come tutte le società, è un’azienda che ha un fatturato, diviso in costi e ricavi. Se un giocatore tesserato a 0 euro può essere rivenduto al 50 mln, voi che fareste? Trovatemi altre squadre di serie A con giocatori appetibili e che possano generare una tale plusvalenza! Non ci sono.

Tuttavia, come dicevo, fessi no! Va bene il player trading, ma stiamo parlando di Hakan Calhanoglu, 40 partite in stagione, 15 gol e 3 assist, rendimento stellare, con statistiche da vero trascinatore del centrocampo, fra più alto numero di passaggi chiave, passaggi riusciti e rigori trasformati dell’intera Serie A. Dati che, alla mano, non devono far tentennare Oaktree e tutta via della Liberazione, soprattutto se l’offerta è così bassa.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’AEK Atene continua ad essere interessata a Joaquin Correa. Secondo Germán García Grova, giornalista argentino del portale TyC Sports, è in corso la trattativa con l’Inter. Il club greco continua a ribadire che i colloqui sono complicati ma la volontà è quella di trovare un accordo. Il Tucu, che ha iniziato la preparazione alla Pinetina […]