L’analisi: Siena-Inter 3-1


Tre gol che fanno male non tanto per il risultato quanto per il modo in cui sono arrivati.
Squadra slegata, distratta, disordinata, incapace di costruire un qualcosa di ragionato, sovrastata da un avversario che ha giocato col coltello tra i denti dall’inizio alla fine.
Ci sono stati anche due (ennesimi) episodi negativi che hanno condizionato il risultato nel primo tempo ma li si registra solo per la cronaca e non per giustificare una prestazione ampiamente insufficiente.
Il rimpianto aumenta anche e soprattutto perchè non si approfitta dell’ennesimo regalo altrui là davanti e si è gettata al vento un’altra occasione per agguantare il terzo posto. Il rammarico (e forse qualcosa di più) è tanto visto e considerato che alla voce “Siena” il tabellino dice 0 punti su 6. Una vittoria nelle ultime otto partite, morale a terra, senso di smarrimento ai massimi.
La classifica lascia ancora aperti i giochi per il terzo posto (l’obiettivo stagionale) ma urgono cure e rimedi che abbiano effetto immediato. E senza guardare in faccia a nessuno.

Pagelle

Solidarietà: Handanovic
Vede sbucare maglie bianconere da ogni lato del campo; fa quello che può ma i miracoli sono tali perchè sono eventi eccezionali e non ordinari.

Motorino perpetuo: Nagatomo
Corre su e giù con applicazione cercando di rendersi utile contribuendo al gol di Cassano.

Predicatore nel deserto: Cassano
Dai suoi piedi partono idee interessanti ma oggi è tutta la squadra a non supportarlo.

Male male: Stramaccioni
Si prende Stramaccioni come simbolo di un’insufficienza generalizzata che coinvolge anche i giocatori.
L’allenatore non va in campo, vero, ma oggi ci ha capito ben poco. Rinnega la scelta di Schelotto dopo 45 minuti, cambia modulo e uomini senza mai trovare il bandolo della matassa.

Nuovi arrivi
Schelotto: 45 minuti, i primi gol arrivano dalla sua fascia. Non lo si condanna dopo una partita sbagliata ma oggi è da bocciare.

Kuzmanovic: fa il suo e rimane comunque a galla in una prestazione generale negativa.

Kovacic: 45 minuti per mettere in mostra personalità ed una tecnica interessante. Non gli si poteva chiedere di essere il salvatore della patria.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’Inter torna a pensare Nacho, difensore del Real Madrid che, nel ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Mancheste City ha indossato la fascia di capitano. A confermarlo l’esperto di calciomercato internazionale Fabrizio Romano, che ha inoltre svelato che il giocatore ha comunicato al Real Madrid la volontà di lasciare i blancos […]

1 min di lettura

Si è svolta oggi la presentazione della partnership tra Inter e Unopiù alla quale ha preso parte anche Giuseppe Marotta. A margine dell’evento il Ceo Sport nerazzurro ha rilasciato una breve dichiarazione sul derby di lunedì 22 aprile. “Stiamo respirando proprio aria da derby. E’ normale che per noi rappresenta non solo una stracittadina, ma […]

1 min di lettura

Il noto imprenditore finlandese Thomas Zilliacus in un’intervista ai microfoni di Italian Football Podcast ha parlato del suo recente interesse per l’acquisizione dell’Inter e del futuro della società nerazzurro con Suning al comando. “È ora che Suning venda l’Inter. Non possono più rimandare. Ho fatto un’offerta molto seria e completa per l’acquisto del 100% dell’Inter […]