Il Principe spinge Messi all’Inter: “Ci si deve credere”


Diego Milito e il derby: lui al Diavolo ha segnato 8 volte! Il Principe, che in nerazzurro (2009-2014) ha vinto un campionato, due Coppe Italia, una Supercoppa italiana, una Champions e un mondiale per club, si racconta a La Gazzetta dello Sport.

“All’Inter mancano 7 uomini? Noi nel 2010 abbiamo vinto 9 contro 11… Io sono fiducioso nonostante le assenze perché la rosa è grande e l’allenatore ha il carattere giusto per motivare in una situazione così. L’Inter troverà stimoli nuovi e farà una grande partita».

La prima immagine del derby – “Il primo che ho giocato: 4-0. C’era ansia, sentivo che era qualcosa di speciale, un sogno che si realizzava. Ho segnato su rigore: rimane uno dei ricordi più belli della carriera».

Il ricordo negativo – “L’amarezza del 3-0 nel 2011: eravamo forti e, vincendo, potevamo lottare per lo scudetto poi vinto dal Milan di Ibra”.

Su Lautaro Martinez – “Gli serviva solo tempo per esplodere: aveva dimostrato subito la sua classe, ma dopo un anno è migliorato. Sta seguendo la strada giusta per diventare il top e il meglio deve ancora venire”.

Su Lukaku – “E’ un attaccante enorme e quei due sono fatti per giocare insieme: si completano perfettamente. La crescita di Lautaro si deve anche alla sua generosità. E occhio a Sanchez, mi piace tantissimo: quest’Inter ha davvero un grande attacco”.

Hakimi come Maicon? – “Non mi piace mai fare paragoni tra giocatori di epoca diversa. Non carichiamolo troppo, ma l’Inter ha trovato un esterno formidabile: per gli attaccanti uno così è oro”.

Su Vidal – “Tecnicamente e caratterialmente fa la differenza”.

Su Conte – “E’ un allenatore che sa cosa serve alla squadra davvero, come tifoso sono contento perché può competere fino alla fine. Speriamo sia l’anno buono: il gap con la Juve si è ridotto. E sono felice sia rimasto, non aveva senso interrompere un percorso così positivo”.

Su Ibra – “L’età ti fa maturare e ti fa essere ancora più leader: lui è la guida di tutti quei ragazzi. Ho sempre avuto un grandissimo rispetto per Ibra, anzi mi sarebbe piaciuto giocarci insieme. Ma vedendolo in campo non sono invidioso: sono felice di quello che ho fatto, io ho smesso al momento giusto”.

Messi e l’Inter – “Ci si deve credere: si vive di sogni. Perché non immaginarselo all’Inter, una squadra fatta per gli argentini e in cui Messi starebbe benissimo?”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Secondo quanto riportato da Tuttosport, Cuadrado spera di poter essere utile già nel derby, qualora Inzaghi avesse bisogno di lui nei minuti finali del secondo tempo. Chiaramente poi l’obiettivo sarà instillare il tarlo del dubbio, per il proseguo della sua carriera, al tecnico piacentino e ai dirigenti nerazzurri affinché possano eventualmente avallare una sua non […]

1 min di lettura

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, a Londra c’è grande riserbo sull’operazione che sta cercando di negoziare il presidente dell’Inter Steven Zhang, assieme all’advisor Goldman Sachs, per rifinanziare i 375 milioni di euro (compresi gli interessi) da restituire al fondo californiano Oaktree Capital Management entro la scadenza del 20 maggio. Secondo indiscrezioni, l’azionista […]

1 min di lettura

Gianluca Longari, giornalista esperto di calciomercato, nel suo editoriale per Sportitalia ha fatto il punto sui movimenti di mercato dell’Inter in vista della prossima stagione parlando di Albert Gudmundsson. “In chiave Inter va invece segnalato il primo sondaggio che va oltre il semplice apprezzamento nei confronti di Albert Gudmundsson. Sul finire della scorsa settimana la […]