Real Madrid-Inter: come arrivano le due squadre al big match


La terza giornata della fase a gironi della Champions League 2020/21 partirà con le gare di martedì 3 novembre e il big match dell’intero turno è senza dubbio quello che metterà di fronte Real Madrid e Inter.

Come arriva il Real Madrid

Il Real Madrid si trova in testa alla Liga spagnola con 16 punti dopo sette partite di campionato, grazie a cinque vittorie, un pareggio e una sconfitta. I Blancos hanno il secondo miglior attacco del torneo con 13 reti – davanti hanno la sola Real Sociedad a quota 14 – e una delle migliori difese del campionato con soli cinque gol subiti. Arrivano da due vittorie consecutive nel Clasico contro il Barcellona e contro l’Huesca.

In Champions League le cose però non stanno andando benissimo infatti i madrileni si trovano in ultima posizione nel girone con un pareggio in rimonta contro il Borussia Monchengladbach nell’ultimo turno, dopo aver perso all’andata per 3-2 contro lo Shakhtar tra le mura amiche. In entrambe le occasioni la formazione di Zidane è andata sotto prima di avere una reazione che contro i tedeschi è servita per il pareggio, mentre contro gli ucraini no perchè alla fine del primo tempo perdevano 3-0.

Come arriva l’Inter

L’Inter è reduce da due pareggi consecutivi tra campionato e coppa. La formazione di Conte sembra essere molto fragile nel reparto difensivo, infatti dopo che nello scorso campionato ha avuto la migliore difesa con soli 36 gol subiti in 38 giornate quest’anno è già a quota dieci reti incassate in appena sei giornate di Serie A.

Non subisce molte azioni da parte degli avversari, ma paga a caro prezzo le pochissime gravi disattenzioni basti pensare che contro il Parma ha subìto due tiri in porta incassando due gol.

Anche in attacco non riesce a concludere tutto quello che di buono crea, anche se ha messo a segno 15 gol in sei partite (una media di 2,50 a gara) sono pochi in relazione a quante volte riesce a mettere giocatori davanti alla porta in situazioni ottimali.

In Champions League arriva anche da due pareggi per 2-2 contro il Monchengladbach e per 0-0 contro lo Shakhtar, si trova al secondo posto nel girone a pari merito con i tedeschi e si dovrà giocare la qualificazione nella doppia sfida contro il Real Madrid.

Precedenti Real Madrid-Inter

Le due squadre si sono affrontate 15 volte nella loro storia in partite ufficiali, con un bilancio di sei vittorie per il Real Madrid, due pareggi e sette successi per l’Inter. I nerazzurri ritornano a giocare nella capitale spagnola

a dieci anni dall’ultima volta quando nella notte del 22 maggio 2010 alzarono al cielo la terza Champions League della loro storia (ultima vinta da una squadra italiana).

L’ultimo confronto risale alla fase a gironi della Champions League 1998/99 con il Real Madrid che si impose all’andata in casa per 2-0 e l’Inter che vinse al ritorno per 3-1 al Meazza grazie alla doppietta di Roberto Baggio e il gol di Zamorano.

Questa è stata la prima e unica volte che le due squadre si sono affrontate in una fase a gironi di una competizione europea, infatti tutte le altre sfide hanno avuto luogo nella fase ad eliminazione diretta.

Questa partita metterà di fronte la squadra vincitrice per 13 volte della competizione – record di tutti i tempi – il Real Madrid contro un’altra (l’Inter) che ha vinto la coppa in tre occasioni. Proprio in occasione della prima affermazione nerazzurra nel 1963/64 la finale è stata la prima assoluta delle sfide tra le due formazioni con la vittoria dell’Inter del Mago Herrera per 3-1 al Prater di Vienna.

In altre due occasioni è avvenuta in concomitanza con la semifinale della Coppa Uefa 1984/85 e 1985/86 col in entrambi i casi il passaggio del turno dei Blancos che hanno rimontato al ritorno dopo aver perso all’andata fuori casa per 2-0 e 3-1.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Non è la prima volta che l’Inter tentenna e vede il suo obiettivo di mercato sfumare (ricordate Bremer?). Bene, anche stavolta, secondo quanto riportato da Di Marzio, Cabal è un passo dalla Juventus. Ma non tutti i mali vengono per nuocere. Ricordiamo che l’Inter non ha nessuna fretta, come detto anche da Inzaghi in conferenza […]