José Mourinho: “A 10 anni dal Triplete l’Inter è ancora la mia famiglia”


José Mourinho si racconta in una lunga intervista a ilsole24ore.com.
Quattro volte allenatore dell’anno secondo l’IFFHS, due Champions League, due Coppe Uefa, diverse vittorie di coppe e campionati nazionali: non c’è Paese dove non abbia portato un trofeo e diviso adoratori e detrattori. E non poteva non parlare di Inter.

Il momento più emozionante

«Senza dubbio, battere il Barcellona con l’Inter per 3-1, il 20 aprile 2010. Per i giocatori, per me, per i tifosi, è stato il massimo. Eravamo una squadra di eroi. Abbiamo sudato sangue, ma alla fine abbiamo vinto».

Il decennale del Triplete

«Quell’impresa significa ancora tanto per me. L’Inter era la mia casa, la mia famiglia. Massimo Moratti era un amico, il mio presidente. L’impresa del Triplete è stata fantastica e resta indimenticabile. Dopo la finale di Madrid, se fossi tornato a San Siro per festeggiare con giocatori e tifosi non avrei mai lasciato l’Inter. Dire addio a una famiglia è una cosa molto difficile da affrontare. Dieci anni dopo, continuiamo a essere una famiglia. È stata questa la nostra forza anche sul campo, siamo amici e lo saremo per sempre. La sera in cui abbiamo vinto la Coppa la decisione era già stata presa: non potevo dire no al Real Madrid per la terza volta. Ma mi guardo indietro con grande serenità e orgoglio. I giocatori? Voglio bene a Marco Materazzi…».

Le caratteristiche di un giocatore di Mourinho

«Grande personalità. Sul campo, è fondamentale. Deve essere un uomo che vuole essere leader, che ha fiducia in se stesso. Se c’è un rigore all’ultimo minuto, vuole assumersi la responsabilità delle sorti del match; se la squadra sta perdendo la partita 1-0, prende la palla e organizza il gioco, facendosi trascinare dal desiderio di vincere. Può giocare con dolore, anche se è infortunato. Se potessi avere undici uomini con questa personalità, ne avrei undici!».

Il legame con Milano

«Sì, a Milano ero felice. In realtà, in quel periodo, la mia vita si divideva tra Appiano Gentile e Como. Per me Milano era San Siro, lo stadio, la tifoseria, l’Inter e l’interismo. È un luogo speciale che mi porterò sempre nel cuore; una città con cui ho un legame sentimentale fatto di ricordi magnifici. Uno su tutti, l’ho detto prima e lo ripeto, la vittoria del Triplete».

Un possibile ritorno in Italia

«Non credo. È una sensazione, ma non penso che nel mio futuro ci sia l’Italia. È anche vero che il mondo del calcio è così imprevedibile, e non si può mai dire mai».

(FONTE: ilsole24ore.com)

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Kristjan Asllani, centrocampista albanese dell’Inter, in un’intervista al ABC Morning Show ha parlato della sua avventura con la maglia nerazzurra. Di seguito le dichiarazioni: “Ho detto e continuerò a dire che per me non c’è posto migliore dell’Inter. Ci sono tanti campioni, mi aiutano ogni giorno. Ho due anni di esperienza. Sono entrato nel gruppo […]