Dopo 14 mesi di guerra, l’Inter Club Ucraina torna a riunirsi: “Alcuni di noi sono al fronte, ma la passione resta”


Dopo 14 mesi di guerra, l’Inter Club Ucraina è tornato a riunirsi per la prima volta al solito pub a Kiev per vedere la partita Inter – Lazio. “Molto è cambiato. Alcuni di noi sono al fronte. Altri non hanno più una casa. Ma la passione resta”, racconta Bogdan Marchenko, imprenditore nel commercio online di mobili per la casa, 35enne di Kiev, vicepresidente del club.
Alcuni di noi hanno avuto le loro case completamente distrutte dai bombardamenti. Altri vivono in zone del Paese che si trovano sotto l’occupazione russa e noi cerchiamo di mandare loro donazioni, come le mandiamo ai nostri compagni che stanno servendo nell’esercito“, racconta Bogdan. Il gruppo si tiene in contatto grazie a una chat su Telegram.

L’idea di tornare a vedere una partita insieme era venuta a Bogdan e ai suoi amici interisti mesi fa, ma organizzare una riunione non era stato facile. “Adesso a Kiev la vita sta lentamente tornando ai ritmi di prima, i bar stanno riaprendo e il coprifuoco scatta a mezzanotte. Questo ci consente di incontrarci anche la sera, e potremo così guardare anche le partite serali dell’Inter”.
(FONTE: LA REPUBBLICA)

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min

Il radiocronista Riccardo Cucchi commentando la vittoria dell’Inter a Lecce.“Un rullo compressore. L’Inter vince nettamente. Perfetti i tempi di gestione in fase di possesso e in fase di non possesso. E profondità. Essenziale ed efficace. Troppo per un Lecce che ha fatto quel che ha potuto. Lautaro implacabile”.

1 min

Simone Inzaghi nella conferenza stampa post Lecce – Inter ha parlato della situazione di due perni della rosa.“Calhanoglu nell’ultimo allenamento ha avuto un indolenzimento, stamattina la situazione non è migliorata. Domani farà un controllo, speriamo di non perderlo a lungo.Acerbi domani farà un controllo, sono passati 15 giorni da Roma. Ne sapremo di più domani”.