L’ex allenatore di Djalo consiglia: “Lo vedrai benissimo all’Inter. Ha caratteristiche uniche, mi ricorda Cannavaro”


Federico Giunti, allenatore ai tempi della Primavera del Milan di Djalo, alla Gazzetta dello Sport ha parlato del difensore portoghese in scadenza di contratto con il Lille e vicino a vestire la maglia dell’Inter.

ARRIVO IN ITALIA – “Arrivò a gennaio e ricordo che ci diede una grande mano. Si vide subito che era un giocatore di enormi potenzialità. Non era solo tecnico, ma anche dotato di grande intuito e tempismo. Aveva grande corsa nello spazio e un fisico ben piazzato, eppure era anche agile e veloce. Pur essendo destro, preferiva giocare sul centro-sinistra”.

PUNTI DI FORZA – “Era abile sulle palle alte, sapeva sempre trovare il giusto posizionamento, era difficile da superare e, da buon portoghese, era anche molto bravo a impostare la manovra. Era un ragazzo chiaramente in possesso di un talento innato che, da quanto ho visto negli ultimi anni a Lilla, ha saputo coltivare e far sbocciare. È un difensore completo, in grado peraltro di destreggiarsi in qualsiasi modulo. Forse mancava un po’ in continuità e applicazione, ma erano piccoli difetti di gioventù che oggi ha sicuramente corretto”.

CARATTERISTICHE E POTENZIALI – “Ha caratteristiche difficili da trovare in giro, poca gente possiede un mix di qualità come il suo. Perché è piazzato fisicamente ma anche rapido ed esplosivo. È uno che gioca molto sulla capacità di anticipo e raramente sbaglia, anche perché ha doti atletiche che gli consentono facilmente di rimediare anche in caso di sbavature. Stilisticamente e tecnicamente, così su due piedi, mi ricorda molto Cannavaro, ma ovviamente stiamo parlando di giocatori molto diversi strutturalmente”.

DIFESA DELL’INTER – “Direi benissimo, come in realtà in qualsiasi difesa di una grande squadra. Nell’Inter di oggi potrebbe fare tranquillamente il braccetto, sia a destra che a sinistra. Ma sono sicuro che non sfigurerebbe nemmeno al centro nel ruolo solitamente ricoperto da Acerbi e De Vrij. Occhio, quella nerazzurra è una difesa super assortita ed esperta. Bastoni e Pavard sono i titolari indiscussi e lui sarebbe il primo rincalzo. Ma sarebbe un rincalzo di primissimo livello. È forte e può giocare ovunque. Ciò che gli auguro, a prescindere da dove andrà, è di tornare presto in campo perché ha dovuto lottare con un brutto infortunio. L’ho seguito da vicino prima che si facesse male e ho visto come sia cresciuto a vista d’occhio, adesso gli auguro di ripartire presto e più forte di prima”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min

Il radiocronista Riccardo Cucchi commentando la vittoria dell’Inter a Lecce.“Un rullo compressore. L’Inter vince nettamente. Perfetti i tempi di gestione in fase di possesso e in fase di non possesso. E profondità. Essenziale ed efficace. Troppo per un Lecce che ha fatto quel che ha potuto. Lautaro implacabile”.

1 min

Simone Inzaghi nella conferenza stampa post Lecce – Inter ha parlato della situazione di due perni della rosa.“Calhanoglu nell’ultimo allenamento ha avuto un indolenzimento, stamattina la situazione non è migliorata. Domani farà un controllo, speriamo di non perderlo a lungo.Acerbi domani farà un controllo, sono passati 15 giorni da Roma. Ne sapremo di più domani”.