Mkhitaryan: “Fin dal primo giorno colpito dall’ambiente Inter. Chiudere qui la carriera? Vediamo…”


Henrikh Mkhitaryan è stato ospite della 3^ puntata stagionale di Frog Talks, il podcast sui canali ufficiali dell’Inter condotto da Andrea Ranocchia.

Gli inizi

“Sono partito come trequartista, poi con il tempo mi hano sospostato più indietro. Ho fatto un periodo di prova di 6 mesi, quando avevo 13 anni. Il mio club armeno firmò un contratto con il San Paolo per scambiare calciatori. A 20 anni sono andato in Ucraina, al Metallurg Donetsk. Dopo un anno Lucescu mi ha voluto allo Shakhtar. Lucescu? Bravissimo. Come allenatore posso dire solo belle cose, per gli allenamenti, il comportamento. Avevamo due preparatori fisici italiani e lavoravamo tanto”.

Germania e Inghiltetta

In seguito sono andato in Germania, al Dortmund, due anni con Klopp e un anno con Tuchel. Klopp è uno psicologo che ti dà tanta fiducia, crede in te e di dà la libertà. Veramente molto bravo. Per lui davamo la vita. “Ho fatto un anno e mezzo a Manchester (United), poi sono andato all’Arsenal. Non mi sono trovato malissimo. Ho fatto 6 mesi con Wenger, ma poi è stato licenziato ed è arrivato Emery. Provava ad adattarsi al calcio inglese…”

“Tutti campionati in cui ho giocato sono diversi, ma con il tempo è anche cambiato il calcio. In Inghilterra il calcio è più fisico ed individuale. In Germania conta più la disciplina, la tattica e avevi più libertà. All’epoca non c’erano tanti calciatori velocissimi. Adesso vedi tanti Usain Bolt correre da destra a sinistra, o forse lo dico perché magari ho 35 anni (ride ndr)”.

L’Inter

Finire la carriera all’Inter? Mi sono rimasti due anni di contratto, vediamo se riesco a terminarli (ride ndr). Finché posso devo giocare, per non avere rimpianti. Lautaro? Anche senza la fascia è un trascinatore, sta segnando tantissimo ed è fondamentale per questa Inter. Non è una questione di avere o meno la fascia, è un leader comunque. Barella non ha la fascia di capitano ma fa cose che ti lasciano a bocca aperta. Siamo venticinque capitani. La qualità principale di questa Inter? A parte che il gruppo è incredibile e siamo molto bravi, conta il fatto che ci troviamo molto bene l’uno con l’altro. In campo ci capiamo con uno sguardo, sappiamo subito cosa vuole il compagno e dove andrà il pallone”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

“Congratulazioni all’Inter per la vittoria dello Scudetto”. Perfino la Juventus – con un post su X – ha fatto i complimenti all’Inter per la vittoria dello Scudetto (a parte l’infelice post dell’ex presidente Andrea Agnelli, neppure tanto apprezzato dagli stessi tifosi bianconeri). Al termine del successo nel derby col Milan, che ha regalato la seconda […]

1 min di lettura

Il giornalista Sandro Sabatini ha parlato del 20esimo scudetto vinto dall’Inter nel suo videoeditoriale per Calciomercato.com. “Due stelle per l’Inter e due stelline da raccontare. Acerbi e Thuram, gli autori dei gol. Il difensore non era gradito, arrivò solo e soltanto per l’insistenza di Simone Inzaghi e per una spicciolata di milioni che adesso fanno […]

1 min di lettura

A margine del lancio della campagna elettorale per le elezioni europee, il sindaco di Milano Giuseppe Sala (tifoso nerazzurro) si è complimentato con l’Inter per la conquista del suo 20esimo scudetto. “Inviteremo l’Inter a Palazzo Marino. Per evitare polemiche visto il mio interismo, dico subito che è quello che avevamo fatto anche per il Milan […]

1 min di lettura

C’è l’ufficialità, posticipata a domenica ore 12,30 la gara Inter-Torino.“Vista la richiesta del Prefetto di Milano datata 23 aprile 2023 – si legge nel comunicato della Lega Serie A – si comunica la seguente variazione al programma di anticipi e posticipi della Serie A TIM:34^ giornata | Inter-Torino domenica 28 aprile 2023 ore 12,30 (trasmessa […]

1 min di lettura

Valentino Rossi, fenomeno della Moto GP e grande tifoso nerazzurro, a Sky Sport ha parlato dello scudetto conquistato dalla sua Inter. “In questa annata ci sono stati un sacco protagonisti. Tantissimi giocatori che hanno giocato bene e mi sono piaciuti: mi sono piaciuti molto Dimarco, Mkhitaryan, Thuram. Ma secondo me l’uomo dell’anno è Lautaro Martinez, […]