L’EDITORIALE – Conte di qua, Conte di là: ma quello Scudetto all’Inter fu vera gloria?


A chi dobbiamo chiedere qualcosa in più? A Nicolò Barella che arriva dal Cagliari?“. Oppure: “A chi dedico questo Scudetto? Onestamente a me stesso“. Così parlava il Conte nerazzurro, sì quell’Antonio Conte che la stampa (amica) dà ora verso Napoli, ora di ritorno verso Torino (Juve) e che all’Inter nel 2021 portò lo Scudetto a distanza di 11 anni dall’ultimo, chiudendo il dominio della Juve che lui stesso aveva aperto. Appena firmato in nerazzurro (31 maggio 2019), su sua esplicita richiesta, l’Inter ingaggia Romelu Lukaku, il più costoso nella storia del club (75 milioni di euro). Arrivano anche Barella, Sanchez, Sensi, Godin, Lazaro, Biraghi, per una campagna acquisti mirata. Ancora più mirate le cessioni. Oltre a Mauro Icardi, porte chiuse a Perisic e Nainggolan, ceduti in prestito dopo alcune amichevoli prestagionali. A gennaio dentro pure Eriksen.
L’anno dopo altra roboante (e dispendiosa) campagna acquisti, ecco Hakimi, Vidal, Darmian e Kolarov, e il ritorno di Perisic e Nainggolan. Per farla breve, in due anni, con una rosa stellare, Antonio Conte riportò sì il tricolore a Milano, ma l’anno prima chiuse il campionato al secondo posto (Scudetto alla Juve di Sarri) e perse la finale di Europa League col Siviglia. In Champions (come in Coppa Italia) il percorso fu incolore per non dire scadente nel gioco e nei risultati, si arrivò alla semifinale di Coppa Italia (Inter eliminata guarda caso dalla Juve). Andiamo al suo stipendio, faraonico per i tempi (2019): firmò con l’Inter un accordo triennale (scadenza giugno 2022) sui 12 milioni di euro netti a stagione, ma il 26 maggio 2021 arrivò la risoluzione per divergenze d’intenti con la dirigenza sul futuro della squadra. Per lui la rosa non era competitiva, quindi salutò. Per gli estimatori, Antonio Conte portò all’Inter (oltre al tricolore) mentalità vincente e organizzazione, per i detrattori quello scudetto fu l’inizio del calvario economico finanziario degli Zhang. Il dopo Conte è storia contemporanea, proprio un’altra storia.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Ignazio La Russa, presidente del Senato e grande tifoso nerazzurro, a Rai Radio1 ha parlato della gioia della vittoria dello scudetto che è valsa la seconda stella per l’Inter. Di seguito le sue dichiarazioni: “È successo che i satelliti si sono allineati, c’era una probabilità su un milione… che probabilità c’erano di vincere il ventesimo […]

1 min di lettura

L’attore comico di fede nerazzurra Giacomo Poretti del trio ‘Aldo, Giovanni e Giacomo’ ha raccontato a Sky lo Scudetto dell’Inter vinto nel derby: “L’ho vista tutta tranne gli ultimi 5′, ero in cucina e ho rischiato due infarti sentendo le urla di mia moglie – le sue parole -. E’ stata una liberazione, negli ultimi minuti ci avevano messo apprensione. Aldo è […]

1 min di lettura

La Lega Serie A ha ufficializzato gli orari della 35^ giornata di campionato. Sassuolo – Inter è stata fissata a sabato 4 maggio ore 20,45. Gli orari della 35^ giornata di Serie A 03/05/2024 Venerdì 20.45 TORINO−BOLOGNA DAZN/SKY04/05/2024 Sabato 18.00 MONZA−LAZIO DAZN04/05/2024 Sabato 20.45 SASSUOLO−INTER DAZN/SKY05/05/2024 Domenica 12.30 CAGLIARI−LECCE DAZN/SKY05/05/2024 Domenica 15.00 EMPOLI−FROSINONE DAZN05/05/2024 Domenica […]