Zazzaroni: “Marotta è un Boniperti o un Facchetti che non ha giocato a pallone. Ora Oaktree sparisca!


Il direttore Ivan Zazzaroni nel suo fondo sul Corriere dello Sport scrive della nuova era dell’Inter con Beppe Marotta presidente.
“Da Moratti a Marotta il salto è notevolissimo, ma non nel vuoto: la distanza tra i due deriva essenzialmente dalle disponibilità economiche, personali e non, del primo. L’ex magazziniere del Varese che diventa presidente dell’Inter sembra uscire da un film di Frank Capra, romantica conclusione di uno splendido percorso fatto di umiltà, sacrifici, ambizioni, propensione all’apprendimento, compromessi, lavoro, capacità relazionali e insomma tutta una serie di esperienze al servizio di personaggi molto diversi tra loro: Zamparini e Zhang, ad esempio, appartengono a pianeti opposti e inconciliabili”.

“Più che uomo di tecnica e azioni di gioco, Marotta lo è di azione comunicativa. Sa trattare con i media, gli altri dirigenti, gli allenatori, i calciatori, i collaboratori, le istituzioni, i politici. Vive al telefono: conferma e smentisce a seconda delle convenienze aziendali. Oaktree ha fatto perciò benissimo ad affidarsi a lui, un Boniperti o un Facchetti che non ha giocato a pallone, trascurando notai o altre figure che con le dinamiche di questo mondo hanno poco a che fare. Al fondo americano suggerisco di prendere spunto da una delle poche cose fatte bene da Zhang: sparire. Grazie alla lunga assenza di Suning jr l’Inter ha stravinto l’ultimo scudetto e nel calcio nulla avviene per caso”.

“L’ascesa di Marotta si può leggere in almeno due modi. Il primo, quello che prevale sui social e tra gli opinionisti filointeristi, è la conferma della continuità: pieni poteri al manager che delle strategie politiche e di mercato rappresenta la massima espressione. Il secondo riguarda le mosse future di un fondo speculativo che dell’Inter non voleva diventare proprietario, vi si è trovato per inadempienze altrui e ora deve far quadrare i conti senza turbare la piazza, né gelare l’entusiasmo alle (due) stelle. Da oggi Marotta non è più un dipendente e non è più “soltanto” un dirigente: è espressione della proprietà, le cui politiche dovrà avallare facendosene persuasore nella struttura del club. Non potrà mai mettersi in rapporto dialettico, né di traverso, perché la sua nuova funzione non lo contempla. Senza sposare il semplicistico promoveatur ut amoveatur, si può pensare che valga il detto: se non puoi contrastarli (perché troppo autorevoli, carismatici, popolari) fatteli alleati”.
(FONTE: CORRIERE DELLO SPORT)

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Haroon Masoodi, agente di Ricardo Rodriguez, ai microfoni di Inter-News.it ha parlato dell’interesse da parte dell’Inter per il difensore svizzero, attualmente svincolato dopo gli anni al Torino. Di seguito le dichiarazioni: “Ci sono state delle discussioni con il direttore sportivo (Piero Ausilio, ndr) qualche settimana fa. Ricardo piace anche a Simone Inzaghi ma non ci […]

1 min di lettura

Oggi lunedì 22 luglio è in programma la seconda amichevole pre-campionato dell’Inter, che al Bper Training Center di Appiano Gentile ospiterà la Pergolettese, formazione lombarda che milita in Serie C. Inizialmente la diretta tv della partita non era prevista, come accaduto per la partita contro il Lugano. E’ poi arrivata la bella notizia dal club […]

1 min di lettura

Su Federico Chiesa si era espresso qualche giorno fa anche il suo scopritore Maurizio Romei: “In realtà sono a conoscenza dell’interesse dell’Inter, la voce di un loro apprezzamento è reale” (leggi articolo). Le sue parole sono state come una pulce nell’orecchio per giornalisti e addetti ai lavori. Nell’articolo dedicato al calciomercato sul Corriere della Sera […]

1 min di lettura

Alejandro Cano e Katherine Ralph, i manager di Oaktree che seguono l’Inter volano a Roma. Come confermato da TuttoSport, nella giornata di domani è prevista una importante missione diplomatica due due dirigenti nella capitale. “Obiettivo conoscere il Ministro dello Sport e dei Giovani Andrea Abodi e Gabriele Gravina, presidente della Federcalcio”.