Io Tifo Inter ha il piacere di intervistare Cristiano Esposito, caporedattore del sito StileInter.it

StileInter.it ha una redazione operativa quasi h24, con aggiornamenti costanti su tutto ciò che riguarda il mondo nerazzurro. In pochi mesi hanno superato le 200 mila pagine viste al giorno. Fanno parte di un network editoriale che comprende anche altre squadre di Serie A. 

Cristiano parliamo un po’ di voi, quando nasce il vostro progetto?
Il progetto nasce nell’estate del 2016 con l’intento di creare un nuovo punto di riferimento per i tifosi dell’Inter. Seguiamo l’universo nerazzurro 24 ore su 24 raccogliendo le migliori indiscrezioni e il numero sempre crescente di lettori sembra apprezzare la nostra linea editoriale.

Quante persone collaborano al progetto e quanto tempo ci dedicate?  
Intorno a questo progetto ruotano circa una decina di giornalisti, che si alternano su turni per dare la massima copertura possibile su tutto ciò che accade riguardante l’Inter. Proprio questo lavoro incessante e continuo ci ha permesso di crescere abbastanza rapidamente.
 
Qual è la particolarità del vostro sito?
Raccogliamo e pubblichiamo tutte le notizie più importanti sull’Inter, con attenzione particolare a quelle che possono diventare virali sui social..

Come scegliete le notizie o le tematiche da approfondire nel vostro sito?
Cerchiamo di dare ai lettori ciò che vogliono sapere e ciò che può generare dibattito. Alterniamo notizie flash ad approfondimenti di qualità per abbracciare ogni fascia di utenza, nerazzurra e non.
 
Parliamo di Inter. La stagione si è appena conclusa ed é tempo dei classici bilanci.
Qual è la vostra opinione sull’annata nerazzurra?

Inequivocabilmente è stata una stagione di cui si può salvare ben poco, nata male con l’addio di Mancini e finita anche peggio con il quarto allenatore in pochi mesi. Occorreva forse pianificare meglio la scorsa estate, mettendo i dirigenti giusti al posto giusto. Adesso regna ancora un certo caos che non dovrebbe esserci: il passaggio a Suning non è più cosa recente.

Immagina di esser direttore sportivo per un giorno: qual é la prima cosa che faresti?
Con l’anarchia dell’ultimo mese bisogna cominciare dal far rispettare le regole più semplici ai calciatori. Se non c’è da rifondare tutto poco ci manca. L’ingaggio di Sabatini va senz’altro in questa direzione, occorre far capire a tutti i calciatori, giovani e meno giovani, cosa significa vestire la maglia dell’Inter.

Facciamo il più classico dei giochi: se ti chiedo l’undici nerazzurro più forte di tutti i tempi, chi schiereresti?  
Come allenatore scelgo lo Special One, José Mourinho e lo farei giocare con 433 molto aggressivo: Julio Cesar; Zanetti, Bergomi, Samuel, Facchetti; Suarez, Matthäus, Mazzola; Meazza, Vieri, Ronaldo