Catania-Inter, la vigilia.


Catania-Inter

Prima trasferta della stagione per l’Inter. Una partita mai banale quella tra Catania e Inter, dove perfino Mourinho, nell’anno del triplete, ha dovuto pagare pegno all’effervescenza casalinga degli etnei.

La sfida dell’anno scorso è stata una delle più belle ed emozionanti partite di sempre tra le due squadre. A un primo tempo tutto di marca casalinga è seguito un secondo tempo col ribaltamento totale del doppio svantaggio. Una rimonta culminata nel finale di partita con Palacio autore di una doppietta che ha concluso l’opera avviata da Alvarez.

Nei 18 precedenti, 16 di campionato e 2 di Coppa Italia, i nerazzurri sono in vantaggio con 10 vittorie contro le 5 dei catanesi. 3 i pareggi, il cui ultimo in assoluto manca dal 27 agosto 1986 in Coppa Italia.

Dopo 20 anni di assenza dal palcoscenico della serie A, i 7 precedenti, dal campionato 2006/2007 sono sempre stati caratterizzati da tanti gol . Oltre che alle  5 vittorie interiste ci sono state anche  2 clamorose vittorie del Catania 3.1 a Mourinho nel marzo 2010 e 2.1 a Ranieri nell’ottobre 2011.

Walter Mazzarri, visti i precedenti non si fida e domenica sera, dovrà affrontare sia un’avversaria di tutto rispetto, che della corsa ha sempre fatto un suo punto di forza specie nelle gare interne, sia anche la cabala. Il pareggio in campionato manca dall’8 gennaio 1984 ma la vittoria, oltre ai 3 punti che consentirebbero di mantenere la vetta della classifica, mette in palio una sana dose di autostima della squadra interista e anche maggiore consapevolezza ai tanti giovani arrivati nel corso dell’ultimo mercato che al rientro dalla sosta per le nazionali, sabato 14 settembre affronteranno al Meazza, l’avversario di sempre, la Juventus di Antonio Conte che con lui a San Siro ha sempre vinto e sempre per 2-1.

Ancora assenti i reduci del triplete, Zanetti, Samuel e Milito alle prese coirecuperi dai rispettivi infortuni.

Mazzarri ha un unico dubbio. Continuare a giocare a una punta, con Palacio garanzia di uomo gol sempre e comunque, mantenendo un folto centrocampo, tra la linea dei 3 dietro oppure optare per una squadra a 2 punte con Icardi in campo, con l’esclusione di uno tra Guarin e Alvarez? Se la prima regola del tecnico è non prenderle la prima opzione sarà quella di domenica sera.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’Inter torna a pensare Nacho, difensore del Real Madrid che, nel ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Mancheste City ha indossato la fascia di capitano. A confermarlo l’esperto di calciomercato internazionale Fabrizio Romano, che ha inoltre svelato che il giocatore ha comunicato al Real Madrid la volontà di lasciare i blancos […]

1 min di lettura

Si è svolta oggi la presentazione della partnership tra Inter e Unopiù alla quale ha preso parte anche Giuseppe Marotta. A margine dell’evento il Ceo Sport nerazzurro ha rilasciato una breve dichiarazione sul derby di lunedì 22 aprile. “Stiamo respirando proprio aria da derby. E’ normale che per noi rappresenta non solo una stracittadina, ma […]

1 min di lettura

Il noto imprenditore finlandese Thomas Zilliacus in un’intervista ai microfoni di Italian Football Podcast ha parlato del suo recente interesse per l’acquisizione dell’Inter e del futuro della società nerazzurro con Suning al comando. “È ora che Suning venda l’Inter. Non possono più rimandare. Ho fatto un’offerta molto seria e completa per l’acquisto del 100% dell’Inter […]