Sampdoria-Inter 0-5


Qualità chiama, Inter risponde. Se la gara col Napoli aveva acceso in qualche anima pia la speranza di un risorgimento nerazzurro, dopo la gara con i blucerchiati saranno in tanti adesso a ricredersi o a ringalluzzirsi e speriamo che tutti, indistintamente, abbiano ragione. La gara con la Sampdoria è un piccolo capolavoro calcistico, una delle migliori partite giocate quest’anno, segnata da numeri incontestabili: terza gara senza subire gol e goleada targata Icardi che non si limita a segnare il gol numero 100 in nerazzurro, ma sfora con altri tre, siglando una “quadripletta” esaltante tra gol di tacco o su rimbalzo. Gli avversari vengono annichiliti in soli 45 minuti, il resto della gara diventa accademia e va bene così perché dopo 5 gol fatti nel primo tempo è un segnale importante l’aver mantenuto la concentrazione e non aver lasciato ai padroni di casa nemmeno il gol della bandiera. Dopo mesi di inappetenza, si comincia a sentire la fame?!

Quando la squadra gira, diventa incontenibile e dunque non resta che augurarsi nella continuità dei compagni, nella ferma volontà di proseguire sulla via della qualità da parte di tutti.

Spalletti pare aver trovato la quadra a centrocampo, oltre che la qualità. Brozovic e Gagliardini alle spalle di Rafinha assicurano qualità e copertura e soprattutto si confermano in grande spolvero mentre il brasiliano sembra a un passo dal pieno recupero, suo il merito del rigore che regala il gol numero 100 al capitano e che indirizza la partita sul binario del trionfo. Cancelo cresce in modo esponenziale, forse è il terzino che aspettavamo da tempo per riprendere la grande storia nerazzurra in quel ruolo. Perisic, schierato e voluto in campo fortemente dal mister, si riprende finalmente la sua zona di competenza: suo il gol che sblocca la partita. Candreva ricomincia a girare come nella prima parte di campionato, finalmente. Infine Icardi: 4 gol, uno di tacco, finalmente padrone dell’area avversaria. Quando la squadra gira, diventa incontenibile e dunque non resta che augurarsi nella continuità dei compagni, nella ferma volontà di proseguire sulla via della qualità da parte di tutti.

Le prossime gare, tutte in verità, saranno tante battaglie e mai come negli ultimi anni, il derby, già rimandato, forse determinante per il traguardo finale. Un derby che grida vendetta, tra l’altro…

Avanti così: Amala, #senza tregua!

 

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

L’Inter torna a pensare Nacho, difensore del Real Madrid che, nel ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Mancheste City ha indossato la fascia di capitano. A confermarlo l’esperto di calciomercato internazionale Fabrizio Romano, che ha inoltre svelato che il giocatore ha comunicato al Real Madrid la volontà di lasciare i blancos […]

1 min di lettura

Si è svolta oggi la presentazione della partnership tra Inter e Unopiù alla quale ha preso parte anche Giuseppe Marotta. A margine dell’evento il Ceo Sport nerazzurro ha rilasciato una breve dichiarazione sul derby di lunedì 22 aprile. “Stiamo respirando proprio aria da derby. E’ normale che per noi rappresenta non solo una stracittadina, ma […]

1 min di lettura

Il noto imprenditore finlandese Thomas Zilliacus in un’intervista ai microfoni di Italian Football Podcast ha parlato del suo recente interesse per l’acquisizione dell’Inter e del futuro della società nerazzurro con Suning al comando. “È ora che Suning venda l’Inter. Non possono più rimandare. Ho fatto un’offerta molto seria e completa per l’acquisto del 100% dell’Inter […]