Julio Cesar: “Inter, Champions possibile. Sommer mi ha stupito, è una sicurezza”


Julio Cesar ha parlato alla Gazzetta dello Sport: “L’Inter è forte e agguerrita. Ho sempre pensato che nel calcio la cosa più bella, importante, quasi magica, sia la fiducia. Fiducia in se stessi e nei compagni. Sentirsi forti tutti insieme e, grazie a questo, esserlo poi in campo. Questa Inter è l’esempio perfetto di cosa significhi ‘fiducia’. Lo vedi nel modo in cui giocano, si cercano, credono in quello che fanno vincono. Hanno raggiunto uno status che permette di puntare a qualsiasi obiettivo: per lo scudetto il più è fatto e pure la Champions è possibile”.

Le parole di Julio Cesar

La macchina nerazzurra funziona così bene per merito di…? Del City! Potrei citare Inzaghi che sta gestendo tutto in una maniera fantastica, ma molto di quello che stiamo vivendo è nato nella finale di Champions. Per tutti il Manchester City avrebbe dovuto stravincere e invece ha rischiato… L’eredità di quella partita è stata importante a prescindere dal risultato: in quel momento tutto il mondo si è accorto di quanto questa Inter sia diventata matura. Prima di tutti, però, se n’è accorta l’Inter stessa: questa convinzione accompagna ora la squadra. In più, ha giocatori forti e funzionali in tutti i ruoli”.

Lautaro è uno dei migliori in circolazione. Io penso che la sua maturazione non sia terminata perché ogni anno aggiunge qualcosa, non si accontenta mai. Ora segna sempre, ma a me è piaciuto soprattutto quando la palla non entrava: il modo in cui ha gestito i momenti difficili, nonostante la pressione esterna, è stato davvero da campione. Non è un caso che sia capitano e un punto di riferimento per tutto il mondo Inter: se riesci a raggiungere questo livello in un club così grande, devi essere per forza grande”.

“Se mi aspettavo un Sommer così? Sono onesto, no… Mi ha stupito positivamente, è una sicurezza. Veniva dopo Onana, un portiere che aveva cambiato l’Inter col suo modo di far partire l’azione dal basso. Sommer ha preso il suo posto con semplicità, del resto non si passa al Bayern per caso: sostituire Neuer non è da tutti. Per le qualità che ha, Sommer è venuto fuori tardi: nel calcio capita, o forse, semplicemente, non si è guardato nella giusta direzione…”.

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Beppe Marotta ha parlato a margine della presentazione del nuovo libro di Gianfelice Facchetti: “Per lo scudetto c’è grande ottimismo dentro e voglia di esplodere e adrenalina forte: ma c’è il rispetto, manca ancora qualche punto. Cerchiamo di essere concentrati. Il Cagliari, ci dispiace ma si salva lo stesso, indipendentemente dal risultato di domenica”. Le […]