Amici nerazzurri, l’Inter dopo 98′ minuti di sofferenza, batte l’Empoli 2 a 1 e si qualifica per il secondo anno di fila alla Champions League.
Non so con quali forze riesca a scrivere queste ultime pagelle della stagione, però l’unica cosa importante è che ce l’abbiamo fatta.

Handanovic (8) strepitoso. Effettua 4 parate bellissime quanto difficili, tenendo salva la porta.
D’Ambrosio (6,5) incorona la stagione con una prestazione di cuore e forza. Le sue urla risuonano ancora all’interno dello stadio.
De Vrij (6,5) sfiora il goal su corner, tiene bene su Caputo ma soffre nel finale. Grande gara per Skriniar (7) che salva spesso la porta e anticipa gli attaccanti avversari. Asamoah (6) gioca un tempo, sbagliando molti controlli ma spingendo molto nella fase offensiva. Viene sostituito da Keita (6,5) che dopo 5′ minuti segna e poi scompare. Commette un fallo ingenuo su Dragoskwi e si fa espellere, rendendo nullo il goal del 3 a 1.

Brozovic (6) smista i palloni a centrocampo, non giocando in maniera eccellente. Gli viene annullato un goal a causa del fallo sciocco di Keita. Vecino (5,5) veramente inesistente in questo match. Perde palloni e sbaglia passaggi, ma alla prima percussione palla al piede, colpisce un palo che porta al goal del 2 a 1.

Perisic (7) gioca da Perisic stasera. Partita di intensità, voglia e carattere. Esce per infortunio, sostituito da Dalbert (4) che gioca una partita pieno di ansia e paura. Con errori che potevano costarci caro. Nainggolan (7) lo giudico soltanto con una parola: ZANIOLO. Chi ha orecchie per intendere intenda. Politano (6,5) corre tantissimo per 90′ minuti, anche se non conclude in porta con frequenza. Sicuramente è un giocatore su cui puntare l’anno prossimo.
Non so se sarà la sua ultima apparizione con la maglia dell’Inter, ma se così fosse Icardi (5) lascerebbe San Siro con un rigore calciato male e una prestazione nettamente sufficiente.
In un’altro momento spenderò più parole per te, per adesso ti dico solo grazie.

Spalletti (7) lascia (forse) la sua Inter  in Champions. Criticato e offeso per tutta la stagione conquista l’obbiettivo, nonostante le mille difficoltà. Quindi grazie Luciano, grazie di tutto.

Amici nerazzurri, un’altra stagione è giunta al termine. Ci hanno accompagnato lacrime, sudore e gioie.
Perché noi siamo l’Inter, e va bene, VINCEREMO INSIEME.
AMALA!!!