Ecco a voi le pagelle del lunch match contro i granata :

HANDANOVIC 7: Compie un grandissima parata sulla girata di De Silvestri, sul goal del Toro è incolpevole.

CANCELO 7,5: È più impreciso del solito nonostante mostri costantemente la sua tecnica sopraffina, nel finale bombarda di cross l’area del Torino senza trovare nessun finalizzatore.

SKRINIAR 7: Gioca bene e si rende pericoloso anche in attacco. Con il suo fisico tiene bene le incursioni di Liajic e Falque, purtroppo si perde una volta Liajic ed è quella fatale.

MIRANDA 7,5: Grande prova del centrale brasiliano, col suo fisico non da spazio a Belotti e colpisce un palo con il sinistro; uno dei migliori.

D’AMBROSIO 4: Assolutamente il peggiore in campo. Non tiene nessun pallone, perde tutti i contrasti ed é anche svogliato nelle giocate. / RANOCCHIA (86′) S.V: Spalletti lo schiera centravanti per l’assedio finale ma non tocca un pallone.

GAGLIARDINI 6: Tiene bene fisicamente i centrocampisti del Torino ma per il resto non una partita da ricordare per Roberto.

BROZOVIC 8: Anche oggi è il migliore in campo. Serve splendidi palloni ai compagni e lotta tutta la partita. L’ammonizione ci costringerà a fare a meno di lui per l’ostica trasferta si Bergamo causa squalifica.

BORJA VALERO 5: Gara deludente per lo spagnolo che non riesce a mantenere il ritmo dei suoi compagni. / KARAMOH (67′) 6,5:  Entra e da vivacità e freschezza all’attacco nerazzurro. Bisogna ripartire da lui, fidatevi.

PERISIC 5: Inizia bene colpendo una traversa è sfiorando il goal con pallonetto riuscito male, poi però si spegne piano piano e si nota in campo solo per le sue giocate imprecise.

CANDREVA 7: Ossessionato dalla ricerca del primo goal stagionale, tenta la conclusione più volte ma anche oggi non trova il goal. / RAFINHA (58′) 7: Entra e con la sua tecnica mette in difficoltà la difesa del Torino e colpisce un palo clamoroso.

ICARDI 6: Cerca di rifarsi dopo gli errori del Derby ma non ci riesce. Sirugu gli nega più volte il goal.

SPALLETTI 6: Prova a inserire tutti i giocatori possibili e immaginabili ma contro la sfortuna non c’è niente da fare.