Biasin: “Mai avuto dubbi su Buchanan, diventerà un giocatore importante per l’Inter”


Nel corso dell’appuntamento settimanale con la nostra rubrica Coffee Break, il giornalista e scrittore Fabrizio Biasin ha parlato dell’inserimento nell’ambente nerazzurro di Tajon Buchanan. Queste le sue parole:

Mai avuto dubbi su questo ragazzo, per molti c’erano delle perplessità che non ho mai compreso. E’ arrivato a gennaio perché doveva coprire la casella, momentaneamente lasciata libera da Cuadrado a causa dell’infortunio. Il progetto era quello di farlo arrivare la prossima estate, sono stati solo anticipati i tempi. Il ragazzo ha approfittato di questo periodo per imparare a muoversi in un gruppo così importante e soprattutto ha avuto modo di capire il calcio che vuole mister Inzaghi. Pian piano si sta inserendo e diventerà un giocatore importante da inserire tranquillamente nelle rotazioni della prossima stagione”.

Le qualità sono indiscutibili – ha proseguito Biasin su Buchanan -, specialmente quelle dalla metà campo in avanti, deve ovviamente migliorare la fase difensiva, particolarmente importante nel 3-5-2. Il ragazzo però è sveglio, capace e sta apprendendo rapidamente, dunque per me nessuna sorpresa. L’unica curiosità è vedere se giocherà a sinistra o tornerà a destra dove ha sempre giocato in carriera. A sinistra ha più possibilità di andare al tiro ed abbiamo visto venerdi sera di cosa è capace. Un ragazzo serio, intelligente, forse un pochino timido, deve ancora ambientarsi definitivamente ma da lui solo segnali positivi”.

image host

Lascia un commento

Dalla stessa categoria

Iscriviti al canale YouTube

Lascia un like a Iotifointer.it

Classifica

Partite

Seguici sui social

News Inter

1 min di lettura

Simone Inzaghi a Dazn dopo il triplice fischio di Inter – Lazio (1-1).“È stato bellissimo. Siamo dal 22 aprile che festeggiamo, ci hanno fatto una festa incredibile. Quello che abbiamo visto dopo il Torino è stato emozionante: milioni di interisti, una cosa unica. Avevo vinto uno scudetto da giocatore, ma anche da allenatore è emozionante.La […]